Le luci e i colori “regalati” a Viano da IREN

Con l’Epifania “che tutte le feste si porta via” si sono spente le “luci e i colori” che hanno acceso le buie sere invernali di Viano.

Grazie ad IREN, ed al progetto che il Comune di Viano ha presentato, durante il periodo natalizio che si è appena concluso, abbiamo potuto aggiungere vitalità e luce alle feste, trascorse quest’anno sottotono per le misure restrittive da Covid-19.

 

Nella prima settimana di dicembre a Viano sono state installate luminarie con motivi decorativi che hanno dato al paese una veste di festa:

foto 1- luminarie a bandiera

 

sotto al lampione brillavano luci a stella  (foto 1),

 

 

 

 

foto 2 – catene luminose con stelline

in piazza si poteva godere dello scintillio delle catene luminose ricche di stelline (foto2)

foto 3 – luci a cascata sul presepe

 

 

lo spazio in corrispondenza del gazebo col presepe è stato “invaso” da luci a cascata (foto 3 )

 

 

 

Entrando in paese, all’altezza della rotonda meglio nota come “porta di Viano”,  lo scialbo aspetto invernale ha  lasciato posto alla vitalità  dei nuovi colori riflessi dalle luci che hanno ravvivato quel luogo .(foto 4 e 5)

foto 4-  le luminarie natalizie alla rotonda “porta di Viano”
foto 5- dettaglio delle luminarie della rotonda “porta di Viano”

Le luci hanno brillato anche nelle frazioni di Faggiano, Cà Bertacchi, Regnano e San Giovanni (in località Prediera e Cà de’ Pazzi) .

Il contributo che, attraverso il progetto presentato dal Comune “Luci e colori a Viano”, e che Iren ha donato per 5.000€ , è servito non solo ad allestire le luci natalizie nelle vie del centro. E’ servito soprattutto a farci sentire che i giorni di dicembre sono pur sempre giorni di festa, anche se, per ragioni di controllo della pandemia, tutti siamo stati relegati entro confini limitati .

E’ servito inoltre  a ricordare a tutti, privati cittadini e commercianti, che siamo una comunità che, allargata, si aiuta ed aiuta: questo rimane anche adesso, dopo che le luci sono state tutte spente e smontate.

Grazie a Iren, grazie a tutti.