TARI – Tassa sui rifiuti

TARI 2021: rinvio per tutte le utenze (domestiche e non domestiche) della prima rata TARI a fine settembre 2021.

Tassa sui rifiuti – Tari

TARI è la tassa sui rifiuti prevista dalla IUC “imposta unica comunale” .

La TARI, istituita con la Legge n°147 del 27/12/2013, è il Tributo dovuto al Comune da parte dei cittadini, Enti ed aziende quale pagamento del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti.

A tal fine i Comuni deliberano annualmente le Tariffe nell’ambito delle linee guida definite dall’Atersir – Agenzia territoriale dell’Emilia-Romagna per i servizi idrici e rifiuti.

Il Tributo è costituito da una quota fissa ed una quota variabile e viene calcolato in maniera differente per:

  • le utenze domestiche
  • le utenze non domestiche

Per la prima casistica si prende in considerazione la superficie calpestabile degli immobili ed il numero di occupanti.

Per la seconda casistica si prende in considerazione la superficie calpestabile degli immobili ed i coefficienti di produttività di rifiuti specifici per la categoria in cui l’attività in questione si colloca.

Esternalizzazione della tassa rifiuti – TARI

Con delibera di Consiglio Comunale n. 8 del 04/03/2017 l’Amministrazione comunale ha affidato ad IREN AMBIENTE SPA la gestione del tributo.

Pertanto, tutta l’attività di front office relativa al servizio TARI è di competenza di IREN AMBIENTE SPA.

Per effettuare le consuete operazioni di attivazione/cessazione/subentro o richieste di sconti relative ai contratti per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani, gli utenti dovranno rivolgersi DIRETTAMENTE ad IREN AMBIENTE SPA a seguenti recapiti:

  • numero verde 800 608090 (attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 18 e il sabato dalle 8 alle 13);
  • sportello IREN di SCANDIANO Via Roma 6/C – dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 13.00;
  • sul sito di IREN AMBIENTE Link: http://www.irenambiente.it/attivita.php?id=273 .

Quando si paga:

La riscossione è in 2 rate:

  • 30 giugno: è liquidato l’eventuale saldo, positivo o negativo, dell’anno precedente e l’acconto relativo al periodo gennaio – giugno;
  • 2 dicembre: è liquidato l’acconto relativo al periodo luglio – dicembre.